Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il Belgio, tra i 10 paesi da visitare nel 2014 secondo Lonely Planet. Sorpresa?

Lonely Planet, la casa editrice che pubblica l'omonima guida turistica, ha appena stilato come ogni anno una lista dei paesi che consiglia di visitare l'anno successivo. Quest'anno all'ottavo posto c'è il Belgio. E' preceduto dal Brasile, l'Antartico, la Scozia, la Svezia, il Malawi, il Messico e le Seychelles. Seguono dopo il Belgio, la Macedonia e la Malesia. Il plat pays viene considerato dalla guida australiana una "gemma sottovalutata".

20131101_134055
Non c'è dubbio che il Belgio soffra di una immagine ingiustamente grigia. I motivi sono vari: il paese è piccolo; sempre in preda a imbarazzanti spinte secessioniste; messo in ombra dalle ingombranti istituzioni europee che ospita da ormai mezzo secolo; a metà strada tra due vicini più grandi e di cui ha preso in prestito le lingue, la Francia e i Paesi Bassi. Molti francesi continuano a ricordare la definizione di Talleyrand: "I belgi? Non dureranno. Non sono una nazione". Chi si trasferisce in Belgio, pensando che Bruxelles sia semplicemente una appendice meno grandiosa e più triste di Parigi commette un errore. Il piccolo paese ha caratteristiche proprie. Non mi riferisco solo ai musei di Gand o di Bruges, alla casa di Rubens ad Anversa o a quella di Ensor a Ostenda, al beffroi di Tournai o al Castello di Beloeil. Gli italiani amano definirsi creativi, di questi tempi è diventata la parola tra le più usate nella retorica conformista nazionale, ma i piccoli belgi non sono da meno. In fondo, il piccolo regno è il vero paese di frontiera in Europa tra la tradizione germanica e lo spirito latino. Come non fare un legame tra i dipinti di Van Eyck e di Bruegel e le opere di René Magritte e di Paul Delvaux? Le costruzioni di Victor Horta restano incredibilmente moderne a 60 anni dalla morte dell'architetto art-nouveau, un designer antetempo. Le sue case erano dotate delle migliori comodità dell'epoca: divani con il riscaldamento incorporato, cabine-armadi illuminati dalla luce elettrica, e soprattutto un uso limitato del cemento preferendo il ferro alla pietra.


A metà dell'Ottocento, in piena rivoluzione industriale, il Belgio era il secondo paese più ricco del mondo dopo la Gran Bretagna (tanto che ancora oggi Liegi è il terzo porto fluviale d'Europa). La borghesia dell'epoca ne approfittò per costruire eleganti maisons de maître che non hanno nulla da invidiare agli appartamenti haussmaniens di Parigi. Dietro ai muri stretti e slanciati, costruiti in questo modo per evitare di pagare elevate tasse immobiliari calcolate sulla base della grandezza della facciata, si nascondono lunghi salotti, alti soffitti, caminetti e modanature, per non parlare di graziosi giardini. Ancora oggi, la borghesia belga è particolarmente benestante. Basta visitare qua e là le tante brocantes, che riempiono le vie e le piazze delle città il fine settimana, per rendersene conto. Accanto agli inutili rimasugli dei solai, chi vuole può trovare una miriade di piccoli oggetti se non preziosi almeno pregiati o decorativi: dipinti, cartine, foto e statue. Peccato che le tante brocantes, una volta terminate, contribuiscono alla sporcizia di molte città belghe e in particolare di una Bruxelles sorprendentemente démodée. Lonely Planet definisce la stessa cucina belga "una esplosione gustativa", ma si limita a citare il cioccolato, la birra e le frites. Oserei dire che si mangia meglio a Bruxelles che a Parigi, a parità di prezzi e a dispetto di Baudelaire che disprezzava i ristoranti della capitale belga "dove la faro sostituisce il vino…". Mentre in Francia i menù hanno liste di piatti con nomi altisonanti e volutamente misteriosi, in Belgio sono una strizzatina d'occhio continua. Qualche giorno fa in un caffè il nome di un tè era sable émouvant (sabbia non mobile, mouvant, ma commovente). Anche i ristoratori sono dei creativi. D'altro canto, Hergé è il padre di Tintin, ma anche di una cultura del fumetto che ha tra i suoi rappresentanti Spirou, Lucky Luke (sì, il celebre cowboy è belga, non francese), Gaston Lagaffe, Blake et Mortimer, Boule et Bill. Ci sarebbero oggi 650 fumettisti belgi in attività. In fondo, la bande dessinée è il riflesso di un popolo che ha un innato senso dell'umorismo, e una incredibile capacità di giocare con le parole. In quanti altri paesi un orologiaio potrebbe scegliere come nome Collection'heure e un fiorista A fleur de peau? Certo, per un linguista francese, l'uso del verbo savoir anziché  pouvoir può urtare, soprattutto quando si giunge al punto di dire "je ne sais pas savoir" – letteralmente "non so sapere" – anziché più semplicemente "je ne sais pas", "non so". Eppure, quando qualche giorno fa in una bella giornata di sole un signore a Bruxelles mi ha spiegato che stavamo vivendo una splendida "arrière-saison", prendendo a prestito dalle espressioni arrière-cour o arrière-goût, ho capito esattamente quello che voleva dire.

 

(Nella foto, l'iscrizione sul monumento ai diritti dell'uomo eretto nel 1989 al Champs de Mars di Parigi con il nome Bruxelles nelle due pronunce, quella francese che insiste sulla X e quella belga che preferisce una pronuncia più dolce, quasi una doppia SS)

NB: Dal fronte di Bruxelles (ex GermaniE) è anche su Facebook

  • Zobi |

    Aggiungo un’altra peculiarità belga: l’enorme passione per il ciclismo, in grado di muovere masse popolari come avveniva negli anni 50-60, una passione che oggi sembra quasi un po’ demodèe rispetto a Formula 1 o calcio che spopolano in Europa. Una passione popolare (per tifare non si compra un biglietto) riaccesa dai tanti campioni che a ogni decade il Belgio sforna, ma anche be sfruttata dal punto di vista culturale e turistico, nelle Fiandre. Dai musei di Oudenaarde e Ronse agli itinerari in bici sul percorso delle grandi gare, fino alle edizioni del Giro delle Fiandre per amatori e per ciclisti d’epoca che attraggono ognuna migliaia di pedalatori da mezza Europa

  • Cristina |

    Siamo veramente il paese dell’immagine e dell’ignoranza!Ci servono le certificazioni delle guide! Chi è appassionato d’arte come me lo sapeva già!:) Ci sono stata 12 gg nel 2005, in aereo+treno,c’è un biglietto conveniente per 10 viaggi,e mi ci son trovata benissimo! E’ vicino, ordinato e civile.Si mangiano ottime gauffres, cozze e crepes e si beve buona birra! Da vedere assolutamente l’Agnello Mistico di Van Eyck a Gand, capolavoro assoluto dell’arte europea degno di stare accanto alle tanto celebrate opere del nostro Rinascimento, artisticamente almeno nel ‘400 Italia e Fiandre erano alla pari, altrettanto pittoresca di Bruges, anche se con un centro storico più ristretto, ma una piacevole sorpresa!:) Da vedere Lovanio, Tournai e un po’ deludente Liegi.Da gustare ovviamente Bruges e arrivare ad anversa. Da non mancare il museo di Horta e tutta la zona di Ixelles a Bruxelles, io avevo il bed & breakfast proprio qui…ma amo l’art noveau:)

  • leon bertrand |

    Grazie, condivido. L.B.

  • Giuliano Giacco |

    Ottimo articolo anche se da un’ottica bruxellois che è un po’ diversa dal resto del Belgio. Abitando a Manage e venendo da Milano me ne rendo conto ogni giorno.

  • Massimo Casale |

    Bellissimo articolo! E’ cosi’ che si puo’ valorizzare un paese sottovalutato! E’ un paese pieno di ricchezze e bellezze naturali!

  Post Precedente
Post Successivo