Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Invenzioni tedesche, il Wurst senza grassi e una nuova “Fanta”

Il_confronto_tra_i_wurst_2
Piccole informazioni alimentari. Da qualche giorno sono in vendita in Germania i Wurst senza grassi, o meglio poveri di grassi, nello stesso modo in cui da anni c’è il latte scremato, la Coca Cola senza zucchero o il caffè decafeinato. Le nuove salsicce (non so quanto appetitose) sono state prodotte grazie anche alle ricerche effettuate dal Fraunhofer-Institut di Freising. Secondo il quotidiano Die Welt, conterranno un massimo del 3,0% di grasso e il 60-80% in meno di calorie rispetto al normale. Il nuovo prodotto è commercializzato da Edeka, una catena di supermercati tedeschi, all’inizio solo in Baviera e poi successivamente in tutto il Paese. Di solito il classico Wurst ha un percentuale di grassi che oscilla tra il 20% e il 40% (a fianco un grafico, tratto dal sito della Fraunhofer Gesellschaft, che mette a confronto gli ingredienti tra i due tipi di Wurst).

La notizia coincide con l’annuncio della società Bionade, il produttore dell’omonima bevanda non alcolica al gusto di frutta, di aprire un proprio impianto negli Stati Uniti, nell’Iowa: le materie prime, tutte naturali, verranno coltivate sul posto. La Bionade è un’invenzione che risale al 1995. Le vendite sono passate da due milioni di bottiglie nel 2002 a 70 milioni nel 2006. Per molti la bibita è l’erede vincente della Fanta, che fu creata dalla filiale tedesca della Coca Cola nel 1940, in piena guerra, quando dagli Stati Uniti non arrivavano le materie prime per produrre la celebre bevanda gazata. Anche la Bionade, come il Wurst senza grassi, è il riflesso di una rinnovata attenzione dei tedeschi alla salute. Proprio alla fine del 2007 è entrata in vigore in molte regioni del Paese l’interdizione di fumare nei luoghi pubblici. Il divieto non manca però di eccezioni; e almeno su questo fronte l’Italia ha fatto meglio e più rapidamente della Germania.

  • Beda Romano |

    Vi ringrazio per i commenti, e ne approfitto per aggiungere un’informazione. Ormai anche il sapore dei Wurst è il riflesso di una società tedesca sempre più multinazionale. Ormai se ne trovano anche al gusto di kiwi, limone o chili.
    B.R.

  • danilo72 |

    Proprio oggi nel primo pomeriggio ho incontrato 3 turiste tedesche al mio paese (provincia di Cuneo) che si recavano a vedere una sfilata di carri allegorici per un anticipo di carnevale.
    Erano indubbiamente sovrappeso, ma forse qui in Italia mangiando un po’ meglio non ingrassano di più…

  • Giovanni Boggero |

    Pura facciata politically correct :-DDD

  • Mauro's blog |

    Rimane comunque curiosa la tendenza ipersalutista dei tedeschi (vedi anche i successo del bio) a fronte di abitudini alimentari che (prima ancora di grassi sbrodolanti) vedono la quantita’ di cibo ingurgitata a livelli astronomici. O forse e’ proprio per quello che ?

  • Sandro Grosso |

    Stento a crederci sul futuro del Wurst Light (che gusto ha un bel wurst senza il suo sbrodolare di grasso?), ma potrei anche sbagliarmi. Dopo tutto, fino a un paio d´anni fa, erano in pochi a scommettere sul successo di Bionade, la gazzosa all´orzo nata sulle ceneri di una Brauerei bavarese caduta in disgrazia.
    Complimenti per il blog e, soprattutto, per la tua attivitá professionale, da un trevigiano che vive e lavora a Stoccarda.

  Post Precedente
Post Successivo