Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dalla Georgia alla Cina, la “force de frappe” del giornalismo tedesco

La proiezione internazionale del giornalismo tedesco ha ricevuto conferma in questi giorni, per via della guerra nel Caucaso e delle Olimpiadi in Cina. Tutte le grandi reti televisive tedesche (per non parlare dei giornali) hanno mandato i propri inviati in Georgia per seguire con un grande dispendio di soldi e di

Il_logo_del_heute_journal
energia il conflitto con la Russia. In questi giorni, la rete pubblica ZDF organizza durante il principale telegiornale della sera ("Heute Journal") vari collegamenti in diretta, da Tbilisi, dall’Ossezia del Sud e dall’Ossezia del Nord, seguendo passo passo il susseguirsi degli avvenimenti politici e militari, sui due fronti del conflitto. Nel contempo, gli stessi giornalisti aggiornano regolarmente il sito Internet, con articoli, foto e filmati dai luoghi del conflitto. La ZDF ha dimostrato in questa occasione di avere poco da invidiare alle grandi rete televisive anglossassoni. D’altro canto, il canale pubblico tedesco ha uffici di corrispondenza in una ventina di città del mondo: Bruxelles, Johannesburg, Il Cairo, Londra, Parigi, Mosca, Nairobi, Pechino, Rio de Janeiro, Roma, Singapore, Tel Aviv, Varsavia, Washington, New York, Vienna, Istanbul, Tokio e Teheran. Un’altra conferma della forte presenza internazionale del giornalismo tedesco è giunta in queste settimane anche dalla Cina.

Nei primi giorni delle Olimpiadi le autorità cinesi hanno oscurato alcuni siti internazionali (da allora la scelta è stata rivista). La censura aveva colpito naturalmente Amnesty International, Voice of America e la BBC, ma anche la meno nota Deutsche Welle. Tutt’ora sembra che alcune pagine del portale tedesco non siano visibili nel Paese asiatico. La DW fu fondata dal Governo federale nel 1953 ed era ai tempi un semplice canale radiofonico con il compito di informare il mondo sugli avvenimenti tedeschi. Solo nel 1992 è diventata anche canale televisivo e successivamente sito Internet. Oggi la Deutsche Welle–1.500 dipendenti di 60 nazionalità diverse–trasmette per radio in trenta lingue (la BBC 32) e per televisione in quattro (oltre al tedesco, anche in inglese, francese e spagnolo), con telegiornali ad hoc che non sono il semplice e banale collage dei notiziari trasmessi in Germania dalla ZDF o dalla ARD, l’altra rete pubblica. Il sito della Deutsche Welle è anch’esso in trenta lingue, tra cui naturalmente il cinese. Non sorprende se sia stato vittima della censura di Pechino: è rapido, informato e analitico. A titolo di confronto la più nota Radio France Internationale trasmette in 20 lingue e ha un sito in 19 lingue. La proiezione internazionale del giornalismo tedesco è impressionante. Non è un fenomeno nuovo: da tempo Der Spiegel e la Frankfurter Allgemeine Zeitung hanno una rete di corrispondenti che fa concorrenza a quella del New York Times. Ma la fame di notizie ha fatto un salto di qualità, non fosse altro perché la Germania è il primo Paese esportatore al mondo, proiettato all’estero come non mai. A questo bisogna aggiungere il desiderio dell’establishment di avere una voce tedesca nel grande mondo dell’informazione mondiale, così come l’ambizione di non limitarsi a essere la cassa di risonanza dei grandi media anglosassoni.

  • Beda Romano |

    Ringrazio GermanyNews per l’interessante informazione. Non sono sorpreso della presenza di un sito della Deutche Welle in greco. La Grecia, come i Balcani in generale, coltiva tradizionalmente contatti frequenti con la Germania. Aggiungo poi che il Paese è molto aperto da un punto di vista internazionale, probabilmente più dell’Italia, anche per via di una marina mercantile tra le più importanti (la prima dell’Unione e la quinta al mondo).
    B.R.

  • Germanynews |

    Mi permetto di rispondere a Danilo72. La Deutsche Welle versione italiana c’è stata fino a circa una decina di anni fa, poi purtroppo, un po’ per mancanza di soldi un po’ per mancanza di pubblico, ha dovuto chiudere i battenti…

  • danilo72 |

    La proiezione internazionale della Deutsche Welle però non contempla la versione del sito in lingua italiana, greco sì invece.
    Quale enorme difficoltà impedisce ai comunicatori teutonici della Deutsche Welle di raggiungere il Bel Paese e di farsi conoscere nella lingua di Dante? Le Alpi forse?
    Ma dai tempi di Goethe grandi letterati alemanni percorrono e raccontano l’Italia.
    E dire che una voce in più nel settore dell’informazione è sempre meglio di una in meno.
    Invito la radio-tv-internet citata a promuoversi in Italia.

  Post Precedente
Post Successivo