Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

A Berlino le famiglie “alternative” sono la metà del totale

A proposito delle differenze tra Germania Est e Germania Ovest. Ormai nei Länder orientali quattro famiglie su dieci con bambini minorenni sono "alternative": vale a dire composte da una sola persona o da una coppia convivente. La percentuale pan-tedesca è del 26%, quella relativa alle regioni occidentali appena del 22%. Nel Baden-Württemberg, una regione a maggioranza cattolica nel Sud del Paese, la quota è bassissima: il 20%. Più sorprendente è scoprire che a Berlino sono addirittura il 47% del totale.

I dati dell’Istituto di Statistica, pubblicati ieri, rivelano che il numero delle famiglie è in calo. Nel 2006, se ne contavano 8,8 milioni, in diminuzione del 7,0% rispetto al 1996. Il numero dei nuclei famigliari classici, di due persone sposate, è sceso del 16%, mentre le famiglie "alternative" sono invece aumentate in 10 anni del 30%. Nella patria di Benedetto XVI l’istituto del matrimonio è in calo di popolarità, almeno in alcune regioni del Paese, anche se la presenza di un Papa tedesco avrebbe provocato, secondo gli studiosi, un revival del sentimento religioso.

  • Mauro |

    Che Berlino sia un po’ l’ombelico del mondo e’ un fatto piuttosto consolidato … che dia sempre una sferzata di meraviglia quando la visito invece mi sorprende ancora.
    Pero’ e’ proprio cosi’, sembra quasi di respirare una citta’ che imposta i trend, ma senza eccedere, il modo in cui ha ammorbidito i contrasti est-ovest e’ stato probabilmente “riutilizzato” per ammorbidire anche altri “contrasti” … forse e’ per questo che anche le famiglie alternative trovano qui il brodo di coltura ideale.

  Post Precedente
Post Successivo