Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Parigi, Duisburg, Milano – Storie di moschee

Sia Letizia Moratti che Giuliano Pisapia, ambedue candidati alla guida di Milano nel ballottaggio di domenica, sono freddi all’idea di costruire una moschea nella capitale finanziaria del paese. Il sindaco uscente di centro-destra ha spiegato questa settimana: "A Milano il diritto di culto è garantito. Il problema della moschea però riguarda la sicurezza, l'ordine pubblico (…) Il mondo islamico è instabile, c’è il pericolo del terrorismo e ci sarebbe il rischio che a Milano vengano gli islamici da tutta Italia".

330px-DITIB-Merkez-Moschee_Duisburg_IMGP0009
Il suo concorrente di centro-sinistra ha invece sostenuto: “La moschea, piuttosto che un altro tipo di luogo dove professare la propria fede religiosa (…) deve essere fatta nel rispetto delle regole, nella legalità, con le necessarie autorizzazioni da parte del Comune e chiaramente ognuno la deve pagare. Come ognuno paga la casa in cui abita, paga l'affitto, anche per il luogo di preghiera deve essere così”. Mentre Letizia Moratti mette l’accento sulla sicurezza, Giuliano Pisapia insiste sull’autofinanziamento. Dal punto di vista dell’ordine pubblico, potremmo chiederci se offrire ai musulmani che abitano a Milano solo delle onderduikmoskeeën, delle moschee-scantinato come le chiamano gli olandesi, non rischi di essere più pericoloso che garantire loro un vero e proprio luogo di culto, aperto e trasparente: come non pensare che l’estremismo possa nascere anche dal risentimento e dall’incomprensione più che dall’istituzionalizzazione della vita religiosa? A Duisburg nel 2008 è stata inaugurata la più grande moschea di Germania (il minareto è alto 34 metri e la sala delle preghiere può ospitare 800 fedeli). All'inaugurazione erano presenti tra gli altri il vescovo cattolico di Essen Felix Genn e il rappresentante protestante della Renania Nikolaus Schneider. Ha detto in quell’occasione l’allora ministro-presidente (demoscristiano) Jürgen Rüttgers: “Abbiamo bisogno di più moschee nella nostra regione, non nascoste ma visibili”. E ancora: “Non tutti coloro che hanno fondamenta sono fondamentalisti”. Anche la questione del finanziamento è controversa.


Costruire una moschea in un momento di difficile integrazione tra culture e religioni diverse non è un atto che dovrebbe essere relegato ai privati. Piuttosto, è un’occasione pubblica con la quale il governo di un paese, l’amministrazione di un comune può migliorare la convivenza tra le diverse comunità, offrire il proprio appoggio a una minoranza religiosa e sociale, soprattutto assicurarsi in ultima analisi la sua riconoscenza e il suo senso di responsabilità. La moschea di Duisburg è costata sette milioni di euro, di cui quattro provenienti da fondi privati e tre dalle autorità pubbliche, tedesche e comunitarie. A Parigi, la costruzione delle grande moschea, nel centralissimo quinto arrondissement della capitale francese, è stata finanziata dal governo francese attraverso un’apposita legge del 19 agosto 1920. Voluta per ricordare la morte di 70mila soldati musulmani “morti per la Francia” durante la Grande Guerra, fu inaugurata nel 1926 dal presidente della Repubblica Gaston Doumergue, un protestante radicale. Oggi la moschea di Parigi, catalogata nel frattempo tra i monumenti storici del paese, ospita una biblioteca, una sala per conferenze, un ristorante, un salone da tè e anche alcuni negozi. Si potrebbe notare che la strategia tedesca o francese in questi anni non ha evitato ai due paesi il fenomeno dell’estremismo islamico, e che la Gran Bretagna multiculturale è stata la patria di violenti terroristi. Eppure, mi sembra che ostacolare in un modo o nell’altro la costruzione di una moschea a Milano significherebbe perdere un’occasione per migliorare l’integrazione dei musulmani e dare della capitale finanziaria del paese un’immagine più moderna

 

NB: GermaniE è anche su Facebook

(Nell'immagine, la moschea di Duisburg, la più grande di Germania)

  • florian |

    Il fatto è che le moschee degradano il territorio dove sorgono, sicurezza o non sicurezza che sia. Alzi la mano chi vorrebbe vivere in un quartiere invaso. Sarà anche brutto a dirsi, ma i fatti stanno cosi.

  • Paolo DR |

    E’ più facile controllare i fedeli che frequentano una grande moschea visibile o tanti scantinati invisibili.

  Post Precedente
Post Successivo